Incontro con i testimoni privilegiati del Centro Calabrese di Solidarietà

Incontro con i testimoni privilegiati del Centro Calabrese di Solidarietà

Incontro con i testimoni privilegiati del Centro Calabrese di Solidarietà

Claudio Falbo (testimone privilegiato) e Muzio Crispino (animatore territoriale)

Il Circolo Acli “Città del Vento – Laboratorio Sociale” di Catanzaro ha da poco avviato il progetto “Servizi integrati di accompagnamento alla stabilizzazione lavorativa e sociale”, finanziato dalla Regione Calabria e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, per l’inclusione socio-lavorativa di giovani e/o adulti in difficoltà (fascia d’età: 18-35 anni e anche oltre) e con particolare attenzione ai giovani NEET, persone che non studiano e non lavorano, di età compresa tra i 18 e i 29 anni.

La prima fase del progetto, in corso di attuazione, prevede un’azione di conoscenza mirata sia del territorio sia dei soggetti interessati a intraprendere un percorso verso il lavoro, ed è curata da due animatori territoriali: Lucia Montesanti e Muzio Crispino. In seguito, dopo un servizio di orientamento si offriranno dei servizi strutturati per la ricerca attiva del lavoro e l’autoimprenditorialità, seguiti da un sostegno concreto di avvicinamento al lavoro sotto forma di stage aziendali e di un supporto allo start up d’impresa, tra l’altro in settori ad altissimo livello di innovatività e sviluppo come la Green e Blue Economy.

In un tale contesto si è già svolto un incontro particolarmente significativo tra Crispino e Claudio Falbo, pedagogista del Centro Calabrese di Solidarietà e referente del Centro di aggregazione giovanile di Catanzaro, noto come luogo di accoglienza e di attività dedicate ai giovani. L’incontro ha permesso di meglio precisare le aree territoriali e le fasce sociali, soprattutto tra quelle giovanili, che dovranno essere maggiormente coinvolte nell’intervento per offrire loro strumenti utili a un primo ingresso o reingresso nel mercato del lavoro, attraverso appunto la fruizione dei successivi servizi predisposti nell’ambito del progetto.

Ma l’adesione al progetto, completamente gratuita, può essere anche libera e indipendente dalla frequentazione di strutture e servizi già esistenti in città. Pertanto, invitiamo tutti a prendere in considerazione questa opportunità e a contattare Città del Vento, nell’eventualità in cui si voglia partecipare all’iniziativa o semplicemente saperne di più, scrivendo a cittadelvento@libero.it o telefonando al numero 0961532121.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlati

Enter your keyword